Chiara Poggi

Chiara Poggi

L’ex maresciallo dei carabinieri Francesco Marchetto, oggi in pensione, è stato condannato poco fa a due anni e mezzo di reclusione e i danni da pagare ai familiari di Chiara Poggi, con una provvisionale di 10 mila euro, nell’ambito del processo-ter per il delitto di Garlasco. Sono così due le condanne per la morte della giovane, dopo quella definitiva comminata ad Alberto Stasi. La sentenza è stata letta dal giudice monocratico del tribunale di Pavia Daniela Garlaschelli.

La pubblica accusa aveva chiesto una condanna a tre anni per Francesco Marchetto. L’allora militare dell’Arma, durante l’udienza preliminare al gup di Vigevano Stefano Vitelli, il 30 ottobre 2009, avrebbe reso false dichiarazioni riguardo Franca Bermani, la donna che vide l’ormai famigerata bicicletta nera appoggiata al muretto della casa dei Poggi in via Pascoli intorno alle 9 del 13 agosto 2007. Al maresciallo venne chiesto perché non sequestrò la bicicletta in uso alla famiglia Stasi e questi “dichiarò “sotto giuramento e in più occasioni che la bicicletta rinvenuta nell’officina del Signor Stasi Nicola non corrispondeva alle caratteristiche descritte dalla Signora Bermani”.

Inoltre, affermò di essere stato presente durante la testimonianza della Bermani, circostanza però smentita dalla testimone tanto che la famiglia Poggi, tramite l’avvocato Gianluigi Tizzoni, avanzò l’esposto contro il maresciallo, sentito lunedì dal giudice Daniela Garlaschelli.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM