Assurdo incidente domestico per una bimba di sedici mesi

(Websource / Sun)
(Websource / Sun)

Impigliata nella cordicella per le tende e morta soffocata. E’ questa la tragica sorte toccata a una bimba di appena sedici mesi di Fegg Hayes, Stoke-on-Trent, nel Regno Unito. Il fatto risale allo scorso aprile: di Bronwyn Taylor si stavano occupando i nonni, Barry e Shirley, che hanno cercato di fare il possibile per salvarla quando si sono accorti del dramma. Ma la bimba è arrivata già morta in ospedale. Giocando in casa dei due anziani si sarebbe avvolto il filo di perline delle cortine da sole, e i suoi tentativi di liberarsi avrebbero contribuito solo a peggiorare la situazione. La nonna, Shirley Taylor, 66 anni, si sarebbe accorta troppo tardi del dramma. Ha chiamato l’ambulanza, ma i paramedici hanno subito constatato che Bronwyn aveva subito “lesioni catastrofiche”. La bimba ha subìto un arresto cardiaco ed è stata dichiarata morta dopo essere arrivata al Royal Stoke University Hospital.

Dopo la tragedia, i genitori di Bronwyn, Matthew, 40 anni, e Cathy, 42, hanno esortato le famiglie ad installare dispositivi di sicurezza per tutte le corde da tenda, così da evitare che si ripetano incidenti analoghi. “Il mondo ci è crollato addosso nel momento in cui abbiamo sepolto la nostra bambina” ha detto il padre. “Mia mamma e il mio papà continuano a darsi la colpa, ma noi non li biasimiamo. E’ stato uno strano incidente. Siamo tutti devastati”, ha aggiunto l’uomo. Tutto è infatti avvenuto nel giro di pochi minuti in cui la piccola è sfuggita all’attenzione dei due anziani. Quel maledetto giorno con Bronwyn a casa dei nono c’era anche il fratello 16enne della bimba, che soffre di paralisi cerebrale. La Polizia dello Staffordshire ha chiuso ieri ufficialmente le indagini, confermando la ricostruzione dei fatti iniziale.

(Websource / Sun)
(Websource / Sun)
(Webaource / Sun)
(Webaource / Sun)

EDS