Il bus dei tifosi si ribalta in curva, è il disastro

(Websource / Twitter)
(Websource / Twitter)

Un tragico incidente stradale avvenuto oggi in Scozia è costato la vita a un giovane tifoso dei Rangers. Un bus a bordo del quale viaggiavano 36 supporters del club scozzese s’è ribaltato in una curva. Altri due fan risultano gravemente feriti, e 18 sono quelli ricoverati in ospedale per lesioni varie. La notizia del decesso ha tolto il sorriso alla squadra per la vittoria (2-0) in campionato. E su Twitter diversi calciatori hanno postato messaggi di cordoglio. La vittima aveva 39 anni e, come gli altri viaggiatori, si stava dirigendo a Ibrox Park per il match contro il Partick Thistle. L’impatto fatale si è verificato nel primo pomeriggio sulla A76, nei pressi della rotonda di Crosshouse, nella contea di Ayrshire. I feriti sono stati subito trasferiti nel nosocomio di Kilmarnock, ma le loro lesioni desterebbero minore preoccupazione.

Sul luogo dell’incidente, oltre ai soccorsi, sono giunti anche gli agenti della polizia locale, che hanno cercato di ricostruire la dinamica del sinistro interrogando alcuni dei tifosi più reattivi (molti erano infatti ancora sotto shock). Uno di loro ha raccontato che il conducente del bus ha improvvisamente sterzato e, a causa di quella manovra, il mezzo si è ribaltato finendo fuori strada, coricato su un lato. L’ispettore Darren Faulds ha dichiarato ai tabloid britannici: “Le indagini sono ancora in corso per stabilire le cause dello schianto. Chiunque abbia qualsiasi informazioni utile è pregato di contattare gli ufficiali di Polizia stradale di Irvine”. Come accennato, in campo i Rangers hanno vinto per 2-0 ma la notizia dell’incidente e della morte di un tifoso ha tolto il sorriso. Joey Barton, tra gli altri, ha inviato un messaggio di solidarietà ai fan coinvolti nel tragico sinistro: “Auguriamo loro una pronta guarigione”. E il compagno di squadra, Harry Forrester, ha scritto su Twitter: “Tre punti!! Ne avevamo bisogno. Il pensiero, però, va ai tifosi dei Rangers, agli amici e alle loro famiglie addolorate per quanto accaduto”.

EDS