Botte da orbi a Strasburgo, grave il successore di Nigel Farage

(websource)
(websource)

Parlamento Europeo sotto choc per quanto avvenuto ieri a Steven Woolfe, 49 anni, candidato alla leadership dell’Ukip dopo le dimissioni a sorpresa di Diane James: l’eurodeputato ha avuto un collasso ed è ricoverato in ospedale a Strasburgo. Le sue condizioni vengono definite “serie”. Steven Woolfe avrebbe ricevuto anche un pugno durante la lite tra eurodeputati del partito euroscettico britannico, nella quale comunque non sarebbe coinvolto lo storico leader Nigel Farage. L’autore dell’aggressione è Mike Hookem, 63 anni. L’eurodeputato aggredito, dopo la nuova crisi all’interno dell’Ukip, è stato il primo ad annunciare un nuovo ingresso in campo, seguito dall’ex capo dello staff di Farage, Raheem Kassam.

Nigel Farage ha così commentato quanto accaduto: “Mi rincresce profondamente che, in seguito a un alterco avvenuto durante una riunione del gruppo degli europarlamentari dell’Ukip, Steven Woolfe ha avuto un collasso ed è stato portato in ospedale. Le sue condizioni sono serie”. Non è escluso, stando a fonti di Skynews, che l’eurodeputato aggredito abbia riportato una emorragia cerebrale. Steven Woolfe, stando ai primi resoconti, sarebbe venuto alle mani con il compagno di partito per dissidi sulla linea e in particolare per un possibile passaggio ai Tories di Theresa May che gli veniva contestato. Sembra che abbia ricevuto un pugno in faccia e abbia sbattuto la testa contro un oggetto metallico, probabilmente l’infisso di una finestra.

In un primo momento le sue condizioni non erano apparse assolutamente gravi, ma di lì a poco il parlamentare ha improvvisamente detto di non avere più sensibilità a una parte del corpo e si è accasciato. Le sue condizioni “stanno migliorando”, ma controlli ed esami sono ancora in corso. Nel frattempo Steven Woolfe si è fatto immortalare in ospedale mentre sorride e mostra il pollice in su, rassicurando sulle sue condizioni di salute. Anche Nigel Farage ha rassicurato: “Ho parlato con lui al telefono e si sente leggermente meglio”.

Interpellato dal ‘Daily Mail’, Steven Woolfe ha spiegato: “Mike è venuto verso di me e ha sferrato il pugno. Era ovviamente molto arrabbiato e ha perso le staffe. Non ho trovato lividi per un po’ e hochiesto di affrontare la questione al di fuori dell’aula”. Hookem ha negato il pugno, mentre uno dei presenti ha testimoniato: “Il signor Wolfe ha detto a Mike che avrebbero dovuto andare fuori e affrontare questo uomo a uomo”. A quel punto è partito il pugno.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM