Eugenio (Facebook)

Eugenio Rossetti (Facebook)

Eugenio Rossetti aveva solo 16 anni. Lunedì sera stava giocando una partita del campionato di basket Under 20 Eccellenza. Il ragazzo stava giocando per la sua squadra, la BaskeTrieste (società satellite della Pallacanestro Trieste) a Mazzano, in provincia di Brescia. Ad un certo punto il giovane ha sentito un forte dolore al petto. Si è subito fermato e ha chiesto al suo allenatore il cambio. Eugenio ha fatto appena in tempo a sedersi in panchina e poi si è accasciato su stesso colto da un infarto che nessuno poteva immaginare. Tutto si è subito fermato con allenatori e altri giocatori attoniti di fronte a ciò che stava succedendo. Sul luogo è subito giunta un’ambulanza. I sanitari per mezzo del defibrillatore hanno fatto ripartire il cuore del sedicenne, ma un secondo arresto cardiaco occorso proprio mentre stava salendo sull’ambulanza che lo ha trasportato all’Ospedale Civile di Brescia ha ulteriormente e irrimediabilmente aggravato le sue condizioni. Eugenio ha lottato strenuamente per quasi 24 ore, ma il suo cuore malato non ce l’ha fatta. Il ragazzo è morto nel pomeriggio di oggi gettando nello sconforto la sua famiglia, i suoi amici e tutto il mondo della pallacanestro. Eugenio era arrivato da un paio di mesi al BaskeTrieste, dopo aver giocato con l’ASD Starenergy. Un passo avanti nella sua giovane carriera avvalorata dalla selezione per giocare nei campionati Under 18 e Under 20 Eccellenza. Il presidente della Pallacanestro Trieste Giovanni Marzini ha detto: “Pallacanestro Trieste è vicina in questo momento a BaskeTrieste. Quanto accaduto ieri ha colpito fortemente tutti i nostri atleti, dirigenti e tecnici. Il BaskeTrieste è il team dal quale attingiamo i nostri giovani: siamo molto colpiti da quanto accaduto”.

F.B.