Nuove accuse per Matteo Cagnoni: nessuna pietà per la moglie

Matteo Cagnoni (foto dal web)
Matteo Cagnoni (foto dal web)

Si aggrava la posizione di Matteo Cagnoni, il noto dermatologo in carcere a Sollicciano con l’accusa di avere ucciso la moglie Giulia Ballestri, la 40enne trovata morta in casa nella sua villa a Ravenna. All’uomo, famoso per aver partecipato a molte trasmissioni televisive, vengono infatti contestate ora la premeditazione ed estrema crudeltà. In precedenza era anche accusato di violenza sessuale. Pare, infatti, che il corpo privo di vita di Giulia Ballestri è stato trovato quasi completamente nudo. E’ presumibile quindi che il dermatologo abbia abusato della moglie, prima di ucciderla.

Accuse confermate anche da dichiarazioni dell’amante della donna e da un sms della vittima, in cui manifestava le proprie preoccupazioni.  Ci sono poi quei graffi sulla pelle, che il dermatologo ha così giustificato: “Mentre scappavo sono finito tra i rovi e sono caduto”. Negli ultimi tempi, infine, il presunto assassino sarebbe arrivato a minacciare la moglie, dopo averla scoperta in atteggiamenti intimi con il suo amante. Secondo indiscrezioni, inoltre, sarebbero state infatti trovate tre impronte digitali del 51enne su tracce di sangue che l’accusa presume essere della vittima. Il ritrovamento di “impronte e macchie che saranno oggetto di perizie scientifiche” è stato poi confermato all’Adnkronos  dall’avvocato della difesa Giovanni Trombini.

Nelle scorse ore, l’uomo non ha rilasciato nuove dichiarazioni, ma “ha ribadito la sua innocenza” e, come già affermato al momento del fermo, “di essere fuggito solo per paura” spiega il legale. Per il suo assistito Trombini ha chiesto “gli arresti domiciliari a casa del padre” abbinati “al braccialetto elettronico”. Nei giorni scorsi si era appreso che, nel corso della causa di separazione dalla moglie, Matteo Cagnoni si sarebbe disfatto dei suoi beni, tra cui un immobile e fondi per un milione e 200 mila euro. La formula era quella della cessione a familiari stretti in cambio di corrispettivi non congrui oltre a quella delle donazioni.

 

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM