Viene aggredita in strada, ma nessuno la soccorre

(Websource/archivio)
(Websource/archivio)

Siamo a Teramo, nella frazione di San Nicolò a Tordino, un uomo sulla quarantina, in evidente stato di ebrezza si avvicina a una ragazza che passeggia col fidanzato e comincia ad insultarla. Lui è a bordo di uno scooter, il ragazzo a quel punto prova a dissuaderlo, ma l’uomo continua e a un certo punto imbracciando il casco mima di dare un colpo alla donna. È la goccia che fa traboccare il vaso, tra i due nasce una colluttazione. Poi la coppia comincia ad allontanarsi, ma non c’è verso di scrollarsi di dosso quell’ubriaco, che continua a rivolgersi in maniera scurrile nei confronti della ragazza lanciandole anche minacce di morte. Il compagno prova a difendere di nuovo la propria donna, che per giunta è incinta di 4 mesi, l’uomo comincia a strattonarla provocandole delle ecchimosi al braccio. I due fidanzati giunti in ospedale hanno ricevuto una prognosi di 15 giorni lei e 20 lui. La cosa che però crea il maggiore scandalo in questa triste vicenda è che secondo la ricostruzione della ragazza, dietro alle finestre nella zona dove è avvenuto il fattaccio si era formato un piccolo drappello di osservatori, che non sono intervenuti minimamente per difendere i due dal malintenzionato.

Antonio Russo