Gatti in lacrime. “Ho smesso di essere me stesso. Per questo il ritiro”

(Archivio/Websource)
(Archivio/Websource)

Franco Gatti, il cantante dei Ricchi e Poveri è tornato in tv dopo una lunghissima assenza. E ai microfoni di Verissimo, condotto su Canale Cinque da Silvia Toffanin, si è raccontato. Solo di qualche mese fa la notizia che ha sconvolto i moltissimi fan, e che lo ha visto abbandonare lo storico gruppo, dopo cinquant’anni di carriera. E durante la trasmissione Gatti si è commosso nel ricordare il figlio, morto all’età di ventidue anni. “Si va avanti, ho avuto la fortuna di averlo per 22 anni”, dichiara il cantante prima di scoppiare in lacrime, per poi proseguire ammettendo “Dopo questo lutto ho smesso di essere me stesso, questo il motivo principale del ritiro”. Ricordando quel terribile giorno, il 13 febbraio 2013, nel quale suo figlio lo ha lasciato per sempre. “Il dolore mi accompagna ovunque, infondendomi una stanchezza che alla fine mi ha spinto a dire basta”, ha ammesso alla conduttrice del programma, che si è dimostrata molto provata a sentire queste parole. Ricordando il figlio Alessio, deceduto in seguito ad un attacco cardiaco, il cantante aveva inoltre ribadito al tempo “E’ ancora nella sua camera. Lo sento giorno e notte, so che è contentissimo di questa mia decisione. Il Franco che conoscevate non esiste più, la sua voce è rimasta lì nella tomba di suo figlio”. A Verissimo ha concluso infine “Ho avuto tante soddisfazioni, la vita mi ha tolto molto. E’ successo a tante persone che possono capirmi. Non c’è niente da fare”.
BC