Cavalcavia crollato: spunta la pista dei “rattoppi” difettosi

(Websource / Twitter)

Un ennesimo caso di superficialità e imperizia nell’esecuzione dei lavori. Così molti raccontano la vicenda del crollo del cavalcavia di Annone sulla SS36, nel Lecchese. A denunciare quella che potrebbe essere una delle cause del drammatico “incidente” è un utente di Twitter, Alberto Pozzi, probabile frequentatore abituale della strada statale: “Sul cavalcavia sembrano evidenti due “rattoppi”, che evidentemente non hanno tenuto”, ha scritto sul popolare social network. E intanto in rete cominciano a comparire nuove immagini dell’opera andata letteralmente in frantumi.

Da un’immagine di Google Street View risalente a qualche anno fa, inoltre, si possono chiaramente notare alcuni “rattoppi”, che corrispondono proprio ai punti in cui è avvenuto il crollo. E dire che il cavalcavia della Statale 36 Milano-Lecco era stato oggetto di un intervento di riparazione da parte dell’Anas “circa 7/8 anni fa”, dopo che “un camion ci aveva picchiato dentro col tettuccio, spaccando mezza trave”, come ha riferito agli organi di stampa il sindaco di Annone di Brianza, Patrizio Sidoti, subito accorso sul luogo dell’incidente. Come già riferito da Diretta News, ci sarebbero un morto e diversi feriti e il crollo sarebbe avvenuto al passaggio di un Tir.

EDS