Un tamponamento si trasforma in una tragedia

2044963_10

Un tamponamento sulla Torino-Caselle che si è trasformato in una tragedia. E’ quello che è accaduto alla sfortunata Clarissa Di Modugno, studentessa torinese di 23 anni, che non ce l’ha fatta dopo esser rimasta coinvolta in un incidente domenica scorsa. Dopo alcuni giorni di agonia, ricoverata in prognosi riservata al San Giovanni Bosco, il suo cuore ha cessato di battere. Troppo gravi le fratture riportate in diverse parti del corpo e il brutto trauma cranico che aveva subito. Il 50enne che era stato denunciato per lesioni gravi, ora dovrà rispondere di omicidio stradale, secondo la nuova legge che punisce con pene molto più gravi chi provoca un incidente di questo tipo. Si chiama Francesco L., ed era al volante dell’Audi che ha tamponato la 500 sulla quale viaggiava la ragazza. Una dinamica davvero assurda quella di questo incidente. Mentre la ragazza era incolonnata viaggiando in direzione di Torino, peraltro a velocità ridotta, visto che si trovava in prossimità di un altro incidente, che stava per essere sgombrato dopo i rilievi degli agenti della polstrada di Chivasso, un’Audi ha tamponato la sua utilitaria. La 500 è stata sbalzata alcuni metri più avanti e si è incastrata sotto un camion. I soccorsi sono arrivati pochi minuti dopo e con l’aiuto dei vigili del fuoco, i medici e gli infermieri del 118 hanno prestato le prime cure alla Di Modugno. Il personale medico si è però subito accorto che le condizioni della ragazza erano molto gravi e difatti, dopo un’agonia durata cinque giorni, non ce l’ha fatta. Questa è Clarissa, la sfortunata 23enne che ha perso la vita in questa disgrazia:

image

M.O.