Duro colpo per l’Isis, il Califfato inizia a cedere

( BULENT KILIC/AFP/Getty Images)
Un soldato iracheno che combatte il terrorismo è stato ferito (BULENT KILIC/AFP/Getty Images)

Violenti scontri sono in corso in Iraq nella località di Gagjali, il quartiere orientale di Mosul, dove ieri sono entrate le Golden Eagle, le Forze speciali irachene. La lotta contro l’Isis prosegue senza tregua con l’obiettivo immediato di aprirsi un varco verso il centro della città ancora in mano ai jihadisti. La prima importante vittoria è arrivata con i militari iracheni che sono riusciti a riprendere il controllo della vecchia torre della tv che si trova proprio nel cuore di Gagjali. Nel frattempo il portavoce della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il colonnello John Dorian, in una conferenza stampa trasmessa in diretta tv si è rivolto direttamente agli iracheni annunciando: “Vi libereremo dall’Isis”. La portavoce dell’Ufficio dell’Alto commissario Onu per i diritti umani Ravina Shamdasani citando diversi rapporti in possesso delle Nazioni Unite ha poi fatto sapere che gli estremisti dello Stato Islamico hanno tentato di utilizzare 25mila civili come scudi umani per impedire la presa di Mosul da parte delle forze alleate, ma i raid aerei hanno anticipato i loro intenti impedendo di fatto il trasferimento della maggior parte delle persone dai sobborghi vicini verso la città.

F.B.