Insultato da tifoso avversario perché Down

(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)

Il padre di Jay Beatty, un giovane fan del Celtic Glasgow affetto dalla sindrome di Down, ha reso noto un orribile messaggio postato su Facebook in cui viene utilizzato il termine dispregiativo con cui si indica chi è affetto da questa patologia. L’utente Facebook John Jardine, ha infatti scritto: “Più mongo di Jay Beatty”. Per chi se lo stesse domandando, “mongo” è il termine utilizzato spesso come dileggio da chi è affetto da sindrome di Down. Jay Beatty invece è un famoso piccolo tifoso del Celtic divenuto celebre un paio d’anni fa, quando il centravanti dei biancoverdi Georgios Samaras lo prese in braccio per un giro di campo durante le celebrazioni per la vittoria del campionato scozzese. Da allora il piccolo Jay è diventato un ambasciatore del club di Glasgow e ha avuto modo di incontrare diverse star, tra cui il cantante Paolo Nutini, il fuoriclasse del Barcellona Leo Messi e il c.t. della Scozia, Gordon Strachan. Ora però suo padre è furioso dopo aver letto il commento di Jardine su Facebook. Il commento in questione è stato scritto durante un dibattito sul popolare social network, il cui tema era la vecchia politica di acquisto dei giocatori dei Rangers Glasgow (niente giocatori cattolici nel club che rappresenta l’anima protestante della città), storici rivali del Celtic. “E’ davvero spiacevole che nostro figlio sia vittima di abusi del genere soltanto per via del club che ama e della sua disabilità. E ‘semplicemente orribile. Purtroppo è un evento quotidiano ora, con tutti questi commenti e con immagini che nessun genitore dovrebbe vedere. Ma per fortuna Jay non li vedrà mai. Siamo molto orgogliosi di Jay e che nostro figlio abbia la sindrome di Down. E se deridere un ragazzino di 12 anni fa sentire meglio qualcuno non possiamo farci niente, possiamo solo ricordare che per ogni messaggio di insulti ne arrivano centinaia pieni di belle parole. Per questo vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno dimostrato affetto a Jay negli ultimi anni”. La vicenda ha toccato da vicino tanti tifosi del Celtic. La pagina Facebook “Celtic FC to the core” per esempio, ha postato un messaggio a sostegno di Jay, “Un ragazzo davvero speciale che sta facendo cose fantastiche insieme alla Celtic Foundation”. Il messaggio ha catturato l’attenzione di tanti altri tifosi, i quali hanno invaso la pagina per supportare il piccolo supporter dei biancoverdi. Jay è un sostenitore sfegatato del club ed oltre ad esserne ambasciatore ha molti ricordi legati alla sua squadra del cuore. Come per esempio la vittoria del premio “Goal del mese”, assegnatogli direttamente dalla lega scozzese, per il calcio di rigore realizzato a metà gara durante una sfida del Celtic contro l’Hamilton. La Grecia del suo eroe Samaras inoltre lo ha invitato a seguire dal vivo le gare della Nazionale, ma il piccolo Jay ha dovuto rinunciare per via di una vacanza con i propri genitori”.

S.L.

(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)
(Websource/ thesun.co.uk)