Caso Ragusa, c’è una telefonata misteriosa

Roberta Ragusa (Websource/archivio)
Roberta Ragusa (Websource/archivio)

Il giallo sulla scomparsa di Roberta Ragusa si infittisce ogni giorno di più. Le tracce della donna si sono perse nella notte fra il 13 e il 14 gennaio 2012. Ora Antonio Logli, marito della Ragusa, dovrà presentarsi davanti al Gup del tribunale di Pisa, che dovrà decidere se rinviarlo o meno a giudizio. L’uomo, infatti, sarebbe accusato di omicidio e occultamento di cadavere.

Recentemente però starebbero emergendo delle novità, che non solo potrebbero compromettere ancora di più la posizione di Logli, ma che cambierebbero l’intero scenario. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, nelle ore successive alla scomparsa di Roberta ci sarebbe stata la presenza di un secondo uomo. A quanto pare Antonio, verso le 11 del 14 gennaio avrebbe chiamato un conoscente. Insomma ci sarebbe una nuova pedina nel caso Ragusa che potrebbe cambiare definitivamente le cose. Gli inquirenti intanto lavorano per capire quanto questa persona sia decisiva ai fini dell’indagine. Curiosamente anche un altro caso molto intricato sembra essere giunto ad una svolta. Infatti, le forze dell’ordine stanno indagando sulla frattura al coccige rinvenuta sul cadavere di Elena Ceste per capirne l’entità.

Antonio Russo