Dopo il sisma dorme in macchina: ‘sorpresa’ al rientro

Sfollata (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
Sfollata (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

In seguito alle scosse del 26 e 30 ottobre, non mancano le vicende paradossali come quella di una donna di Fabriano che era in malattia ed è rimasta nei dintorni della propria abitazione, dormendo in macchina, poiché casa era inagibile e grande era anche la paura. Prima di pranzo, ha raggiunto l’abitazione per prendere al volo alcuni effetti personali e ha trovato una sorpresa: nella cassetta della posta, c’era il foglio del medico dell’Inps.

Il dottore era passato per la consueta visita fiscale, accertamento dovuto in caso di dipendente a casa per malattia, e non l’ha trovata. La donna si giustifica: “Non ero li perché ho casa inagibile e non avevo avuto modo di avvertire l’Inps che dormivo nel parcheggio. La macchina burocratica va avanti come se non fosse accaduto nulla”. Insomma, oltre ai danni subiti dal terremoto, per la donna ora c’è la beffa col rischio di sanzione disciplinare per essersi assentata dal lavoro.

Per tale ragione, ha fatto un appello pubblico al sindaco di Fabriano, Giancarlo Sagramola: “Non sarà il caso di prendere le parti dei suoi concittadini e chiedere chiarimenti in merito? Poi si chiedono perché i contribuenti sentono lo Stato nemico?”.

 
TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM