Referendum, Putin tifa per il NO

(OLGA MALTSEVA/AFP/Getty Images)
(OLGA MALTSEVA/AFP/Getty Images)

Il sito in lingua inglese, Russia Today, finanziato dal Cremlino, ha mandato in onda le immagini della manifestazione per il sì al referendum, accompagnandole da questo titolo: “Proteste in Italia contro il premier italiano”. Spiegava il sito: “Migliaia di cittadini hanno protestato per le strade di Roma contro il primo ministro italiano Matteo Renzi, che ha lanciato un referendum sulla riforma costituzionale, che si terrà il 4 dicembre”. Una manifestazione di fatto filogovernativa, insomma, viene fatta passare per proteste contro Renzi e il suo governo, facendo irritare anche l’Unione Europea.

Il ministro degli Interni tedesco, Thomas de Maizière, ha denunciato a Sky “gli attacchi su Internet specialmente di provenienza dalla Russia: sono organizzati a livello statale, attacchi alle istituzioni tedesche. Dobbiamo proteggerci, ma è un problema che dovremo superare con la collaborazione dei nostri partner europei”. insomma, stando a sentire le sue parole, la Russia starebbe provando a condizionare il voto italiano, esattamente come avrebbe fatto nelle scorse settimane con quello statunitense.

Una situazione che non piace nemmeno al Regno Unito, tant’è che il capo del MI5, il servizio segreto interno britannico, Andrew Parker, ha dichiarato al ‘Guardian’ che “La Russia sta portando avanti una politica estera con modi sempre più aggressivi”, che prevedono il ricorso “alla propaganda, allo spionaggio, a sovvertire l’ordine costituito, e ai cyber-attacchi”. Secondo quanto si apprende, le notizie di Russia Today, ma anche di siti come Sputnik Italia, decisamente filorussi, vengono rilanciate di continuo da siti web vicini alla galassia pentastellata. Al di là della manipolazione denunciata, c’è un dato di fatto: Piazza del Popolo, sede della manifestazione Pd di sabato, era semideserta.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM