“Ero costretta a mangiare: mamma mi ossessionava”

Debbie Reason oggi (foto dal web)
Debbie Reason oggi (foto dal web)

“Il cibo per la mia mamma era un’ossessione”, si sfoga così Debbie Reason, 48 anni, che era ingrassata a tal punto da avere bisogno di aiuto anche solo per andare in bagno. La “colpa” era della madre, che le aveva trasmesso quell’ossessione e la faceva mangiare in maniera compulsiva. Debbie Reason ha detto che aveva l’abitudine di mangiare una porzione formato famiglia di pollo fritto per il pranzo, seguito da un’enorme lastra di cioccolato, mentre a cena mangiava cibo take-away e kebab: “Spesso non avevo fame, ma sapevo che era inutile discutere con la mamma”. Quando ha avuto il coraggio di sottoporsi a chirurgia gastrica, la donna ha perso i due terzi del suo peso, ma ora deve sottoporsi a un importante e costoso intervento per eliminare la pelle in eccesso.

Sin da ragazzina, Debbie Reason era vittima di bullismo perché la madre non le faceva fare nulla se non sedersi a tavola e mangiare e la situazione era peggiorata quando era venuto a mancare per un cancro il padre della giovane donna. “Mamma mi aveva dato da mangiare così tanto, riuscivo a malapena a muovermi. Ero prigioniera nel mio stesso corpo”, è l’incredibile racconto della povera donna. Prima di morire il padre le ha detto: “Promettimi che farai una cosa, ricorrerai alla chirurgia gastrica”. Le parole risuonano a lungo nelle orecchie della donna, la cui madre è però anche la sua migliore amica, così tentenna a lungo prima di prendere la decisione. “Nel mese di agosto del 2010, mi è stato inserito un palloncino gastrico che è stato poi rimosso nel febbraio 2011, quando ho subito una operazione”, ha spiegato ancora Debbie Reason, intanto la madre della donna è peggiorata di giorno in giorno, finché sul letto di morte non ha confidato alla figlia che a suo avviso aveva fatto bene a ricorrere alla chirurgia gastrica.

GM