Migranti, il ministro tedesco lancia una proposta choc

(Mika Schmidt-Pool/Getty Images)
(Mika Schmidt-Pool/Getty Images)

“Rispedire in Africa i migranti salvati nel Mar Mediterraneo”, ecco la dichiarazione rilasciata dal ministro dell’interno tedesco che con questa soluzione intende risolvere l’annoso problema dei migranti. A rendere note alla stampa locale le parole di Thomas de Maiziere è il suo portavoce. Tale provvedimento, secondo il politico di Berlino, stroncherebbe il traffico di esseri umani da parte delle organizzazioni criminali. Dure le critiche dell’opposizione alle dichiarazioni di de Maiziere, che hanno definito le sue parole come scandalose in quanto minatorie del diritto d’asilo. Il politico, esponente del governo guidato dal cancelliere Angela Merkel, ha affermato:“Eliminare la prospettiva di raggiungere l’Europa potrebbe farli astenere dal rischiare la vita affrontando un viaggio pericoloso”. Secondo la sua teoria, i migranti, una volta rimpatriati nei loro Paesi del Nord Africa, potrebbero avanzare all’Ue le proprie richieste di asilo, che una volta accettate gli consentirebbero di entrare nel nostro continente in modo sicuro.
Senz’altro il ministro tedesco non ha tenuto in considerazione le ultime dichiarazioni di papa Francesco, che proprio ieri ha ribadito la necessità di recare aiuto a quelle che ha definito come “folle esiliate a causa di un sistema socio-economico ingiusto e di guerre che non hanno cercato, che non hanno creato coloro che oggi soffrono il doloroso sradicamento dalla loro patria, ma piuttosto molti di coloro che si rifiutano di riceverli”. “La situazione dei migranti e dei rifugiati è obbrobriosa”, ha ribadito il Pontefice “e posso solo descriverla con una parola che mi venne fuori spontaneamente a Lampedusa: vergogna”.
BC