“In quell’incidente stradale, sono morto anche io” – VIDEO

(websource)
(websource)

Ad agosto, un dramma ha sconvolto una famiglia allargata ma felice, che è stata distrutta da un tir sull’A34, nella regione inglese dell’Oxfordshire. Tracy Houghton, una mamma separata, è infatti morta insieme ai suoi due figli, Josh e Ethan. Nel drammatico incidente, è morta anche anche un’altra bambina, Aimee Goldsmith. In base a quanto ricostruito, l’auto guidata dalla donna è stata travolta da un tir guidato dal trentenne autotrasportatore Thomasz Kroker. A distanza di qualche settimana, ha deciso di parlare Mark Goldsmith, il nuovo compagno di Tracy e padre di Aimee, che al Sunday Times ha spiegato, sopravvissuto all’incidente: “Ho iniziato a singhiozzare. Ho vomitato. I miei cari erano morti sul colpo. Un grande botto e non erano più lì. La cosa più straziante è che non ho potuto aiutarli. Mi fa male più di ogni altra cosa”.

“Erano così giovani e avevano tanta vita davanti, anche Tracy”, racconta ancora Mark Goldsmith. Il figlio dell’uomo, Jake, 14 anni, era in viaggio con lui e anche assistito alla terribile incidente. Ha raccontato sua madre che sia lui e suo padre hanno subito “gravi lesioni mentali”. Il genitore ha insistito nel suo racconto: “E ‘stata una scena di carneficina totale. La vedo davanti ancora adesso, ogni sera quando vado a dormire e quando mi sveglio. Rivivo quel momento ogni giorno”. Anche il trentenne autotrasportatore Thomasz Kroker non riesce a darsi pace e già dopo l’incidente urlava disperato: “Li ho uccisi, li ho uccisi”. Una decina di giorni fa, è stato messo in carcere per quanto accaduto.

GUARDA VIDEO

GM