Parla il disabile della foto “negata” da Renzi

(Websource)
(Websource)

La foto è davvero bella, naturale e significativa. Per questo rimane ancora più oscuro il motivo per il quale il social media manager e consigliere personale di Renzi si sia premurato di non volerla pubblicare su Facebook con tanto di clamorosa gaffe mediatica (La frase “Tutte tranne il disabile su Fb” non è passata inosservata). Il protagonista di questa foto è Mattia Negri, ed è uno studente di 22 anni dell’Università del Piemonte Orientale. Suo padre spiega: “Quando mio figlio ha saputo di questa polemica sulla foto si è fatto una risata, non è per niente offeso. Anzi. A lui interessa molto la politica ed è contento di aver parlato con Renzi, anche se per pochi minuti. Gli ha raccontato che sta preparando una tesi sulla Massoneria. E gli ha pure detto che voterà no al referendum”. Sull’accaduto, oltre alle scuse dell’autore della gaffe Franco Bellacci (“È una bella foto, ma temevo le solite accuse di strumentalizzare la disabilità”) sono arrivate anche le parole di Paola Testa, la disability manager del Comune di Alessandria: “Siamo ancora lontani da una cultura di inclusione e di normalità. Scusarsi, non voler mettere la foto, significa non vivere con naturalezza e con la giusta ampiezza culturale la relazione con le persone con disabilità. È uno scatto molto bello e molto “vero”: Federico guarda con grande ammirazione il premier e lui si approccia con grande empatia”.

F.B.