Pugilato, Floyd Mayweather e quell’assegno…

Floyd Mayweather (getty images)
Floyd Mayweather (getty images)

Floyd Mayweather non si è mai nascosto e fa sempre parlare di sè sia nel bene che nel male, questa volta ha voluto attaccare coloro che lo hanno infastidito con alcuni commenti, a suo dire, fuori luogo. L’ex pugile, sul suo profilo Twitter, ha pubblicato la foto dell’assegno da 100 milioni di dollari ricevuto dopo aver battuto Manny Pacquiao nel famigerato “incontro del secolo”. Lo statunitense ha scritto come didascalia alla foto un messaggio pieno di rancore: “Mi fanno divertire quei tizi abituati a sedersi sui sedili posteriori, così preoccupati dell’eredità lasciata dagli altri, invece di pensare alla propria – scrive Mayweather -. Questo è solo uno dei miei molti assegni, un bell’assegnone da 100.000.000 del quale ho ancora fino all’ultimo centesimo. Voi avete ancora da lavorare, io sono felicemente in pensione. Alla fine della giornata mi interessano solo i bigliettoni da cento, quindi peggio per voi. Ho fatto dei buoni investimenti, e mi spiace per quelli che pensano che io non sappia scrivere, leggere o contare. Voi li chiamate orologi, io li chiamo preziosi. Voi le chiamate barche, io li chiamo yacht. Voi le chiamate case, io le chiamo magioni. Voi affittate i charter, io possiedo jet”.” Parole che faranno senza dubbio molto discutere.

Dopo l’incontro con il pugile filippino del 2 maggio 2015, Mayweather, si è ritirato e ha appeso i guantoni al chiodo ma più volte, nelle ultime settimane, sono uscite alcune indiscrezioni che parlavano di una possibile rivincita, e chissà magari un altro assegno milionario in palio.

Alessandro Nobile