Ragazze sole sul treno, i due marocchini non hanno pietà

(Websource/archivio)
(Websource/archivio)

Un vero e proprio incubo quello vissuto da due ragazze di 18 e 20 anni che l’altra sera si trovavano a viaggiare su un treno della tratta Novara-Milano. Sul convoglio non c’era praticamente nessuno e forse proprio per questo i due marocchini che le hanno viste e prese di mira hanno pensato di poter agire in modo indisturbato. I due malviventi si sono avvicinati e hanno aggredito le ragazze tentando di rubare il cellulare alla ventenne che lo aveva messo in carica in una presa dello scompartimento. Le due giovani hanno provato ad impedire il furto ma a quel punto i marocchini hanno tirato fuori il coltello e le hanno minacciate in modo violento. Nonostante il tentativo di un altro passeggero di difenderle le due si sono spaventate tantissimo, sono fuggite e si sono chiuse in bagno. Da lì sono riuscite a telefonare alla polizia e a dare l’allarme spiegando ciò che era successo. Alla successiva fermata di Villapizzone gli agenti sono saliti sul treno e hanno immediatamente identificato e arrestato i due nordafricani. Si tratta di due giovani di 22 anni con numerosi precedenti per droga, spaccio, rapine e possesso illegale di armi. La linea ferroviaria è stata interrotta per circa 30 minuti, ovvero la durata di tutta l’operazione di polizia. Si tratta dell’ennesimo episodio capitato a bordo di un treno dove sembra ormai evidente si renderebbe necessario un controllo più serrato da parte delle forze dell’ordine soprattutto nelle ore serali e notturne.

F.B.

TUTTE LE NEWS DI OGGI