Forte mal di testa e la meningite torna a colpire…

(Archivio/Websource)

Nuovo caso di meningite virale. Venerdì scorso un uomo di 33 anni si è presentato al pronto soccorso con forte cefalea e rigidità muscolare. Siamo all’ospedale Chiello di Piazza Armerina, in provincia di Enna. Imminenti gli accertamenti sull’uomo che hanno confermato i sospetti dei primi medici che lo hanno visitato. Sottoposte alla profilassi tutte le persone entrate in contatto con lui. Una cinquantina tra familiari, personale medico e paramedico e quanti si trovavano al pronto soccorso e nell’astanteria dell’ospedale Chiello. Serie le condizioni del paziente, che risponde però  bene alle terapie. Nel frattempo si continuano a svolgere gli accertamenti su di lui per comprendere quale sia stata la possibile fonte di contagio. Quando si è presentato all’ospedale Chiello l’uomo presentava i classici sintomi della meningite: febbre, cefalea e disorientamento, intuizione confermata dal prelievo del liquor, effettuato con una puntura lombare. La buona risposta del paziente ai farmaci antibiotici e antiedemigeni fa escludere che si possa trattare di meningite meningococcica, quella del tipo più letale. L’uomo, sposato e padre di due figli, è attualmente ricoverato, in isolamento, nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Umberto I di Enna. Potrebbe essere dimesso tra qualche giorno.
BC