Fabrizia, il papà disperato: “Abbiamo capito, non m’illudo”

Fabrizia Di Lorenzo (Websource)

Fabrizia Di Lorenzo è la ragazza di 31 anni italiana che risulta ufficialmente tra i dispersi del terribile attentato che ha colpito ieri sera un mercatino di Natale di Berlino. I suoi genitori e il fratello si trovano in queste ore in Germania per la prova del dna, per capire insomma se la nostra connazionale è una delle vittime non ancora identificate della strage nella quale hanno perso la vita 12 persone. L’ambasciatore italiano in Germania, Pietro Benassi, aveva detto: “Stiamo lavorando su una persona e abbiamo motivi di essere preoccupati”. E il presidente Mattarella aveva aggiunto: “Esprimo tristezza e angoscia per gli attentati di ieri, cordoglio per le vittime, solidarietà ai Paesi colpiti e grande apprensione per la sorte di una nostra giovane connazionale dispersa a Berlino”. Il padre della ragazza ha detto poche parole affermando di non farsi illusioni: “Abbiamo capito che era finita stanotte all’una e mezza: siamo stati noi a chiamare la Farnesina, ma l’aiuto più grande ce lo hanno dato i carabinieri di Sulmona. Ci siamo mossi coi nostri canali, ma da quanto mi dice mio figlio da Berlino, non dovrebbero esserci più dubbi. E’ lì con mia moglie in attesa del Dna, aspettiamo conferme, ma non mi illudo”. Fabrizia vive da anni a Berlino – non lontano dal luogo dell’attentato di ieri – e lavora in un’azienda di logistica. Nel frattempo la procura di Roma ha aperto un fascicolo per attentato con finalità di terrorismo.

F.B.