(Websource/thesun.co.uk)

Una bimba è morta in ospedale dopo essere stata trascinata fuori da una piscina in cui era caduta insieme al fratello gemello, che lotta ancora per la vita. Robbie e Charli, due gemelli di quasi due anni, sono stati ripescati privi di coscienza dalla piscina di casa martedì scorso, con i vicini che hanno cercato disperatamente di rianimarli. Robert e Fleur Manago, i genitori, sono stati costantemente al loro capezzale, ma ieri la piccola Charli non ce l’ha fatta. I vicini erano riusciti a tenere in vita i due piccoli praticando le manovre di rianimazione sino all’arrivo dei paramedici, dopo che la madre li aveva tirati fuori dall’acqua nella loro casa a Kellyville Ridge, Australia. Stando a quanto riporta il Courier Mail, erano all’incirca le sette di sera quando la vicina Michelle Skevington ha sentito le urla provenire dalla casa dei vicini e si è precipitata per prestare soccorso.

Speranza vana

“Forse siamo riusciti a salvare la vita di quei bambini. Non ne sono sicura, ma lo spero tanto. Abbiamo solamente continuato con la rianimazione finché non sono arrivati i paramedici. Ero così felice di vederli quando sono giunti a dare soccorso”. I due gemelli sono stati portati al Children’s Hospital di Westmead su due ambulanze diverse e scortati dagli agenti. Il Guardian riporta che la polizia del Nuovo Galles del Sud ha confermato che la piccola Charli è spirata in ospedale lunedì, mentre suo fratello è ancora in condizioni critiche e sottoposto a trattamento medico. La signora Skevington ha dichiarato che i Manago, che hanno altri quattro figli, erano una famiglia meravigliosa e sempre attenta ai propri bambini: “Fleur era sempre fuori a dare un’occhiata ai suoi bambini ed i più grandi le davano una mano con i più piccoli”.

Perché è successo questo?

La polizia sta indagando sulle come i piccoli sarebbero finiti in piscina, come riporta il Sydney Morning Herald. L’ispettore capo Garry Sims ha dichiarato che si suppone che i bambini siano stati fuori dal controllo dei genitori per un certo periodo di tempo. Tanti i messaggi di cordoglio da parte degli amici della famiglia sui social network, tutti concordi sul fatto che la famiglia Manago fosse composta da persone apprezzabili. La notizia dell’incidente occorso ai due gemelli è arrivata pochi giorni dopo l’annegamento in piscina di un’altra bambina di Sydney. Aria Dunn, 20 mesi, è morta poco dopo il ricovero in ospedale. Il giorno prima un altro bimbo di due anni è stato trovato privo di sensi in piscina ed è stato ricoverato in condizioni critiche, ma ad oggi è in miglioramento.

S.L.

(Websource/thesun.co.uk)

(Websource/thesun.co.uk)

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO