“Che fai a Capodanno?”, poi scoppia la rissa

(Websource/archivio)

Una delle domande più gettonate del momento è sicuramente “Che fai a Capodanno?”. Per molti adolescenti tale frase è sinonimo di panico autentico con il tempo che scorre inesorabile su chi ancora non si è organizzato e spera nella chiamata dell’ultimo minuto di questo o quell’amico.

Lo stress però sembra essersi impossessato di un 19enne di Monza, che stanco di sentirsi ripetere sempre la stessa domanda ha sfregiato un amico. Tre giovani, infatti, si trovavano ai giardinetti per organizzare l’imminente veglione quando d’improvviso è scoppiata una rissa e il giovane monzese ha colpito al volto un 18enne col coltello. La vittima è stata immediatamente trasportata in ospedale, le sue condizioni non sembrano gravi, ma la cicatrice riportata al volto dovrebbe essere permanente. Il ragazzo ha raccontato tutto agli inquirenti che hanno rintracciato e arrestato il suo aggressore sorpreso a casa con i genitori, l’accusa è di lesioni aggravate da futili motivi e sfregio permanente al volto. Insomma l’organizzazione per questo Capodanno sembra stia dando davvero alla testa ai nostri giovani.

Antonio Russo