“Ricordo bene cosa fece fare la maestra a quella bimba”

(repertorio/websource)

E’ finita sotto processo – che si è aperto oggi – la maestra della Scuola materna statale del Comelico, in provincia di Belluno, accusata di cose terribili da parte di una bimba di appena tre anni. “La maestra mi ha fatto mangiare anche il vomito”, raccontò la piccola alla sua mamma, che quel giorno l’aveva vista particolarmente turbata. Come se non bastasse, la maestra si sarebbe rivolta indignata alla piccola, schernendola con queste parole: “Vedi? Se lo avessi mangiato subito sarebbe stato più buono”. La bambina aveva avuto un rigurgito e aveva vomitato il riso che stava mangiando.

I fatti risalgono a diverso tempo fa e la maestra, che ha 43 anni ed è difesa dall’avvocato Anna Casciarri, è accusata di abuso di mezzi di correzione e violenza privata. I genitori sostengono che la piccola sarebbe rimasta talmente turbata da quell’episodio da non aver più voluto mangiare riso. Ieri davanti alla presidente del Tribunale di Belluno, Antonella Coniglio, ha deposto la cuoca della scuola materna, la quale ha ricostruito quanto accaduto, ricordando molto bene l’episodio e confermando che “la bimba non riusciva a ingoiare e a un certo punto vomitò ciò che aveva in bocca, si sporcò i pantaloni e il bavaglino. L’insegnante, allora, ripescò del vomito e glielo fece mangiare, facendola rimettere nuovamente”.

In aula anche i genitori della bimba: “Con tutte le precauzioni del caso, ci siamo approcciati a nostra figlia per capire se era successo qualcosa che l’avesse impressionata all’asilo. Ci siamo fatti raccontare la sua versione dei fatti e lei ricordava tutto. Abbiamo poi compreso, come mai non voleva più mangiare e vomitava perfino il latte”. Infine, ha parlato una collega della maestra finita sotto accusa: “Seguiamo le linee impartite dal ministero della Salute e metodi di avvicinamento all’alimentazione corretta, che non prevedono di forzare i bambini a mangiare”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM