Allarme Ingv: “Possibile nuovo sisma ancora più forte”

    (Websource/archivio)

    Veduta aerea della zona del Rigopiano – VIDEO

    Mentre all’Hotel Rigopiano si combatte una corsa contro il tempo per trovare più superstiti possibili e mentre si piangono le prime vittime accertate e identificate, arriva la notizia che nessuno avrebbe voluto sentire. La voce è quella autorevole dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. A parlare è il suo presidente, Carlo Doglioni: “Non sappiamo quanta possa essere l’energia ancora da liberare, ma è più che legittimo dire che non è da escludere un evento più importante, ma non è possibile dire quando”. Il capo dell’Ingv poi non manca di fare polemiche come era già accaduto dopo il sisma del 24 agosto: “Ingv fa monitoraggio di vulcani e terremoti, purtroppo i finanziamenti sono insufficienti per farlo vivere, siamo in bolletta. L’analisi della situazione finanziaria dell’Ingv dell’ultimo triennio evidenzia chiaramente che il contributo ordinario di funzionamento assegnato annualmente all’Istituto dal Miur è insufficiente alla copertura delle spese cosiddette incomprimibili dell’ente”.

    Nei giorni scorsi aveva lanciato un allarme simile su possibili nuove scosse anche il geologo Mario Tozzi. Il volo noto della tv non dimentica mai di sottolineare che la colpa principale è dell’uomo e del suo modo di costruire abitazioni ed edifici e non della natura che sostanzialmente segue il corso che ha sempre seguito in millenni di storia naturale.

    F.B.

    TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO