Sale il numero delle vittime: “Abbiamo trovato una donna”

Sopravvissuti e vittime portati a Pescara
(FABIO FRUSTACI/AFP/Getty Images)

Il bilancio ufficiale della vittime della valanga che si è abbattuta sull’hotel Rigopiano parla al momento di sette morti. Poco fa, infatti, i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto dalle macerie il corpo di una donna, che si trovava in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Non si conosce ancora la sua identità, mentre si sta ancora lavorando per liberare il corpo di un’altra vittima, individuata nella giornata di domenica. Da quel che si apprende, sarebbe Faye Dame, l’immigrato senegalese al lavoro all’hotel Rigopiano quando è stato travolto dalla valanga. L’uomo, 42 anni, aveva ottenuto il rinnovo del permesso esibendo il contratto di lavoro con l’albergo.

Uno zio del giovane, che vive a Montesilvano, ha denunciato come a lungo non siano stati avvertiti del fatto che di Faye Dame non si avevano notizie: “Nessuno ci ha chiamato, siamo venuti a chiedere informazioni, ma ancora non si sa niente. Hanno il nostro numero e ci faranno sapere quando ci saranno novità. Mio nipote lavorava nell’hotel come dipendente, da oltre 4 anni. Noi aspettiamo qui per avere altre informazioni”. Sconvolta per l’accaduto la fidanzata del senegalese: “Se me lo riportano me lo sposo in pronto soccorso, se non posso parlargli il sì glielo scrivo su un pezzo di carta”, ha detto. Un sogno che però la giovane donna non potrà mai realizzare.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM