Ancora incinta del padre. Ecco cosa stabilisce il giudice…

(Archivio/Websource)

Condannati a vivere separati. Un padre e una figlia dovranno vivere lontani per due anni a causa del loro rapporto incestuoso. Questo quanto stabilito dalla legge, secondo la sentenza del giudice Kevin Phillips. L’ordine restrittivo è stato emanato dall’autorità nei confronti di un uomo di trentasette anni e di sua figlia di ventitré dopo aver scoperto che oltre ad aver rapporti sessuali con il suo genitore, la ragazza aspettava anche un bambino da lui. E tutto questo per la seconda volta. Le autorità infatti seguivano già infatti la famiglia, originaria di Dunedin, in Nuova Zelanda, attraverso i servizi sociali, poiché solo qualche anno fa i due avevano avuto un altro bambino. Con l’arrivo del secondo figlio i provvedimenti presi sono diventati così più restrittivi. L’uomo aveva avuto la figlia all’età di tredici anni e la piccola era stata data in adozione. I due non avevano più avuto rapporti stretti fino al 2010, anno nel quale è avvenuto il riavvicinamento che ha dato origine alla relazione incestuosa. Il padre della ragazza è stato condannato a sei mesi di detenzione e non potrà stare ad una distanza inferiore di settanta km dalla figlia. La ventitreenne dovrà invece seguire due anni di terapia in una comunità.
BC