In “sosta” per un’overdose sotto agli occhi dei figli – FOTO e VIDEO

(Websource / Sun)

E’ un film già visto, e se vogliamo ancor più triste nel suo squallore. Siamo negli Stati Uniti, e più precisamente a Sarasota, in Florida, dove a fare notizia stavolta è una coppia che sviene in auto in overdose, sotto gli occhi dei figli di un anno e cinque mesi, abbandonati sul sedile posteriore. A denunciare l’episodio è stato un passante che, alla vista di quella vettura posteggiata in un’area di servizio, si è immediatamente insospettito e ha chiamato il 911. La scena che si è trovato davanti agli occhi, tuttavia, andava al di là di ogni drammatica previsione: due genitori svenuti nella loro auto dopo aver abusato di sostanze stupefacenti.

William Ballard, 36 anni, e Delaney Crissinger, 32, entrambi di Sarasota, sono stati subito arrestati dalla Polizia. All’alba dello scorso giovedì i due avevano guidato fino a un’area di sevizio sulla Fruitville Road con i loro figli di un anno e cinque mesi, si erano drogati e avevano perso i sensi. A lanciare l’allarme, come detto, è stato un uomo che, intorno alle 8, ha notato la coppia “sospetta”, accorgendosi ben presto che l’abitacolo era disseminato di un’enorme quantità di droga. Il passante ha quindi attirato l’attenzione di altre persone che, con le loro auto, hanno circondato il Suv in questione, scongiurando la possibilità che, se i due genitori si fossero svegliati, tentassero la fuga. Quando la Polizia è arrivata sul posto, però la coppia era ancora collassata sui sedili anteriori. Nella vettura sono state trovate dosi di metanfetamine, eroina, fentanyl e una siringa usata.

“Non ci si rende mai conto di cosa voglia dire la tossicodipendenza fino a quando non ci troviamo davanti a casi del genere”, ha commentato Eric Roundtree, che lavora in un ristorante della stazione di servizio. “Ciò che più mi rattrista – ha aggiunto – è pensare che abbiano portato con sé i loro bambini. Gli adulti possono fare ciò che vogliono, ma non possono coinvolgere dei poveri innocenti”. A fargli eco è stato il tenente Joe Giasone, uno dei primi a intervenire sul posto: “È una situazione molto triste. Le persone che fanno uso di droghe non capiscono che, portando i figli con loro, creano altre piccole vittime”.
I precedenti
E’ il caso di ricordare che non è la prima volta che gli Usa vengono scossi daepisodi del genere. Lo scorso dicembre un’altra coppia aveva guidato per tre ore dal Vermont fino al Massachusetts, dove aveva fatto sosta per fare abuso di droghe: Jacob Davis, 27 anni, e la sua fidanzata, Tamara Bruce, 32, sono stati arrestati dopo essere stati trovati privi di sensi con accanto i loro bimbi di nove mesi e due anni: lui aveva la cintura di sicurezza legata intorno al braccio a mo’ di laccio emostatico. E a ottobre Erika Hurt, 25 anni, era stata trovata dalla Polizia a Hope, in Indiana, con una siringa in mano nella sua auto: la figlia di 10 mesi piangeva nel sedile posteriore.

Prima ancora, a settembre, a Lawrence, nel Massachusetts (stessa città dove Davis e Bruce furono arrestati a dicembre) un filmato ha mostrato Mandy McGowan svenuta a terra per un’overdose con accanto la sua bimba di 2 anni che cercava di tirarla su per un braccio. Mentre in Pennsylvania Alyssa Bazala, 25 anni, è stata trovata svenuta nella sua auto con il suo bambino dopo essersi drogata. Sempre a settembre, infine, il 50enne Rhonda Pasek e la 47enne James Acord sono stati fotografati dopo essere collassati con il loro bimbo di 4 anni seduto sul sedile posteriore della loro auto. Non a caso negli Usa la piaga dell’abuso di droghe è diventato un problema nazionale, con il numero di morti quadruplicato nel giro di appena 15 anni.

EDS