La sua band era attesa a Sanremo: si è ucciso poco fa in casa

(MARCO RAVAGLI/AFP/Getty Images)

Si è ucciso nel bagno dell’abitazione che divideva con alcuni parenti, Piero Petrullo, uno degli storici componenti del gruppo “Ladri di Carrozzelle”, la band fondato nel 1989 da un gruppo di musicisti con disablità fisiche. L’uomo, oggi 50enne, da tempo era costretto a vivere sulla sedia a rotelle dopo un grave incidente stradale avvenuto ai Castelli Romani. Piero Petrullo, nelle scorse ore, si è ucciso utilizzando un filo elettrico con il quale si è impiccato. Il musicista viveva in una zona rurale di Velletri. Le indagini sono affidate ai carabinieri della stazione di Velletri, mentre il magistrato ha disposto l’autopsia sul suo corpo.

Paolo Falessi, uno dei fondatori dello storico e particolare gruppo rock, ricorda il musicista, che dal 2006 al 2010, suonò come percussionista con il gruppo rock in varie manifestazioni di piazza in molte città italiane come “un uomo straordinario”, il quale “nonostante soffrisse molto a livello fisico, con dolori molto violenti, era sempre positivo, gioioso, amava stare con gli amici, divertirsi, suonare i suoi strumenti, ci dava sempre coraggio a tutti, andremo a Sanremo sabato prossimo con il gruppo laboratorio ‘Ladri di Carrozzelle’ con il cuore rotto dal dolore della tragica morte del nostro amico e collega, che cercheremo di ricordare, dando il meglio di noi stessi”.

Tra i palchi più noti solcati in questi anni dai ‘Ladri di carrozzelle’, un laboratorio musicale composto da circa 20 musicisti che con ironia cercava di denunciare le barriere architettoniche per chi vive una condizione di disabilità, ci sono il concertone del 1° Maggio a Roma e le celebrazioni del Giubileo del 2000. Il decesso di Pietro Petrullo è uno dei tanti legati alla storia del Festival di Sanremo, a partire dal drammatico suicidio del cantautore Luigi Tenco per giungere alla morte del figlio di Franco dei ‘Ricchi e Poveri’, avvenuta in anni più recenti.

Piero Petrullo (foto dal web)

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM