(websource/archivio)

Paura e apprensione venerdì sera a Borso del Grappa, nel trevigiano, a causa della fuga di un bambino di dieci anni, dopo un rimprovero da parte dei genitori. Per due ore, i carabinieri di Asolo lo hanno cercato ovunque e la preoccupazione dei suoi cari che fosse accaduto qualcosa di grave era alta. Fortunatamente i militari dell’Arma lo hanno ritrovato e il piccolo è ritornato a casa senza alcuna conseguenza particolare, fatta eccezione per l’ansia vissuta dai suoi genitori.

In base a quanto finora ricostruito, sembra che la fuga sia stata determinata appunto da un rimprovero che il bambino avrebbe subito intorno all’ora di cena. A quel punto, sarebbe uscito di casa di corsa e i genitori non lo avrebbero più visto. Sembrava letteralmente sparito nel nulla, così lo stato d’ansia di mamma e papà si è ben presto trasformato in una grande paura che fosse successo davvero qualcosa di grave. Per un bel po’ i genitori hanno atteso che il piccolo rientrasse da solo a casa, quindi sono usciti a cercarlo, ma le loro ricerche nella zona si sono rivelate inutili.

La preoccupazione così aumentava e quindi col cuore in gola i genitori del bambino hanno chiesto l’intervento dei carabinieri. Sono scattate ricerche intense su tutti il territorio e infine, dopo circa due ore, una pattuglia ha individuato il bambino in mezzo a una macchia boschiva, visibilmente infreddolito e smarrito.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM