Novello Dongiovanni in ufficio la combina davvero grossa

(websource/archivio)

“Sono così dipendente dal sesso che l’ho fatto anche con la donna delle pulizie di mia madre. Ed è un grosso problema”. Comincia così l’ultima lettera pervenuta a Dear Deidre, la popolarissima rubrica “rosa” del Sun. Il mittente è un uomo che, dopo aver ceduto per l’ennesima volta ai richiami della “carne”, si sente in colpa e lancia un SOS all’esperta i questione di cuore (e non solo).

“Sono un ragazzo di 27 anni – scrive il Nostro – e premetto che ho avuto innumerevoli partner e avventure di una notte nel corso degli anni. Mi è capitato anche di fare l’amore con ragazze di cui neppure conoscevo il nome”. “La maggior parte di quelle ragazze – prosegue – era sulla ventina. L’altro giorno, però sono finito a letto con la domestica di mia madre. Ha 42 anni, ma è stata veramente una bomba”.

Una cosa tira l’altra…
Com’è successo? “Mamma era già andata al lavoro quando lei è arrivata, mentre io avevo il giorno libero. Mi ero accorto che era nervosa, doveva esserle successo qualcosa. Così le ho chiesto se le andava una tazza di tè”. Di lì alla “confessione” il passo è stato breve. “Mi ha rivelato che aveva litigato di brutto col marito – racconta il giovane – , il quale aveva dato di matto. L’ho ascoltata e ho cercato di consolarla. Quando si è alzata per rimettersi a lavorare, mi sono avvicinato e l’ho presa per mano”. Una mossa da maestro, non c’è che dire… “Siamo rimasti in piedi e ho piegato la testa per baciarla. Lei ha ricambiato ma poi si è allontanata, dicendo che stavamo facendo una cosa sbagliata. L’ho baciata di nuobo e stavolta non si è lamentata. L’ho invitata a salire in camera mia e mi ha seguito”.

Il resto è un finale già scritto. “Abbiamo fatto sesso ed è stato a dir poco fantastico. E’ stata una grande amante, anche se a cose fatte è sembrata imbarazzata, e siè rivestita in fretta e furia”. Quanto a lui, “so di aver fatto una cosa sbagliata. Mi vergogno profondamente di me stesso e le ho promesso che non succederà mai più. Voglio cambiare, perché detesto il modo in cui mi sto comportando”. E, con l’occasione, il giovane dongiovanni ha confessato che “ho già fatto sesso con cinque colleghe nell’ufficio in cui lavoro da soli nove mesi”, ma “ora temo di aver rovinato la mia reputazione. Per me è come una tossicodipendenza. A quanto pare non riesco a guarire dall’ossessione del sesso”.

Il consiglio dell’esperta
Segue la risposta – come sempre saggia e condivisibile – dell’esperta: “Per lo meno hai realizzato che hai un problema e che vuoi cambiare. Il sesso innesca in te – come in tutti noi – una sorta di reazione chimica. Probabilmente nel tuo caso ha creato una forma di dipendenza perché soffri di una depressione latente, che cerchi di rimuovere con quello sfogo. Forse hai sofferto di una carenza di affetto in età infantile. Dov’è tuo padre, per esempio?”.

Il consiglio è quello di “riprenderti il controllo della tua vita”. Dunque “evita situazioni che possono portare a un rapporto sessuale, e smetti di andare a caccia di donne da portare a letto. Costruisci con loro rapporti di amicizia da cui possano nascere rapporti autentici. Astieniti dai rapporti sessuali finché non trovi una persona a cui tieni veramente, e che tenga veramente a te”. E, last but not least, “non sottovalutare i rischi per la salute legati alle tue abitudini sessuali… Prenota un controllo e, se dovessi scoprire di avere contratto un’infezione o qualcos’altro, informane tutte le donne con le quali hai fatto sesso”.