“Io poliziotto e medico, non sono un eroe ma faccio il mio dovere”

Giancarlo Pullano (foto dal web)

L’ispettore della Polizia di Stato Giancarlo Pullano è uno dei due agenti di una volante della Questura di Cosenza che hanno salvato la vita ad una bambina di tre anni. In base alla ricostruzione fatta dagli agenti, i due si sono trovati di fronte a un uomo, visibilmente agitato, che usciva da un portone portando in braccio una bimba in preda a forti convulsioni. Pullano, che ha una laurea in medicina, si è immediatamente reso conto di quanto la situazione potesse essere grave, anche perché la bimba era già diventata cianotica. Così, ha subito effettuato le manovre necessarie per agevolarne la respirazione.

I due agenti hanno poi trasportato d’urgenza la piccola in ospedale e anche durante quel tragitto Giancarlo Pullano ha proseguito nel praticare le manovre di primo soccorso, facendo sì che lentamente la piccola riprendesse a respirare con regolarità. Giunta al Pronto Soccorso, la bimba era ormai fuori pericolo, quindi è stata sottoposta a visita medica e successivamente ricoverata in pediatria per ulteriori accertamenti. Giancarlo Pullano, in servizio alle volanti della Questura di Cosenza, ha spiegato di non sentirsi “un supereroe, faccio solo il mio lavoro facendo coincidere due passioni: la medicina e l’essere poliziotto”. Era già un poliziotto quando decise di iscriversi a medicina, per poi laurearsi e divenire un medico abilitato.

Racconta oggi l’ispettore di polizia, divenuto un eroe per caso: “Terminato il lavoro sulla volante faccio il medico volontario con la Croce rossa italiana e lavoro sulle ambulanze”. A lui e al questore Luigi Liguori sono arrivati i ringraziamenti da parte dei genitori della piccola. Pullano ricorda: “Tutti noi abbiamo competenze di primo soccorso, io ho solo in più la passione per la medicina. Noi molte volte arriviamo prima dell’equipaggio medico e per questo le nostre conoscenze di primo soccorso sono fondamentali”. L’ispettore spiega che è molto legato al suo lavoro in polizia: “Lo amo e non rinuncerei mai all’operatività. Adesso andrò a trovare la piccola appena possibile”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM