Filip Kwansy, 7, in ospedale (websource)

Un bambino di 7 anni, malato terminale, chiede aiuto per essere sepolto accanto alla mamma così “può prendersi cura di lui in paradiso”. Filip Kwansy ha 7 anni, è di Colchester, Essex, e da 12 mesi vive in un ospedale di Londra a causa di una forma di leucemia, diagnosticatagli lo scorso anno. A soli due anni, i dottori hanno scoperto che il giovane guerriero era affetto da neurofibromatosi, una malattia ereditaria che colpisce le cellule nervose e muco-cutanee, caratterizzata da fibromi della pelle e del tessuto nervoso. Sfortunatamente, i trattamenti fatti al piccolo, tra cui chemioterapia e trapianti di cellule staminali, non hanno impedito al cancro di espandersi in tutto il corpo. Adesso Filip sta quindi ricevendo solo cure palliative, in attesa che la sua brevissima vita giunga al termine. A questa già devastante storia, si aggiunge il fatto che la mamma del piccolo Filip, è morta di cancro all’età di 33 anni, poco dopo essersi sposata con il padre del bambino. “Grazie di aiutarmi a realizzare il mio sogno” afferma il bambino dal suo letto d’ospedale, per ringraziare le persone che stanno facendo donazioni per permettergli di essere sepolto vicino alla mamma. Il padre, distrutto dal dolore, racconta: “ Ha detto che io sono l’angelo che si prende cura di lui qui, mentre la mamma si prenderà cura di lui quando sarà in paradiso”. Piotr Kwasny, questo il nome del papà, ha la spina bifida, malformazione genetica della colonna vertebrale, un solo rene, diabete e ipertensione; non può quindi lavorare e non ha abbastanza soldi per pagare la sepoltura del figlio in Polonia. Per questo sta raccogliendo fondi, per realizzare l’unico sogno rimasto del suo angelo. “Sa che sta morire e che non c’è più niente da fare. Sa anche che non gli è rimasto molto tempo, lo sappiamo entrambi”, conclude il padre.

Lavinia C.