“Si lamenta perché è gelosa della sorella”. Poi la terribile diagnosi…

(Websource / Sun)

A soli nove anni, Amber Aziz aveva confidato ai suoi cugini che voleva suicidarsi. Insisteva a sostenere che aveva “qualcosa in testa”, e diceva ai suoi genitori che “voleva un nuovo cervello”. Dopo una serie di visite, accertamenti ed esami, i medici hanno scoperto che la bambina sta lottando contro un tumore al cervello, tecnicamente noto come “astrocitoma”. Una diagnosi che ha gettato sua madre, Zainab Kamran, 33 anni, nella più profonda disperazione, mista a un senso di incredulità, dato che gli specialisti consultati fino a quel momento avevano escluso la presenza di qualsiasi patologia. Di più: uno dei medici interpellati le avevano addirittura assicurato che i “sintomi” di Amber non erano altro che una forma di gelosia nei confronti della sorella minore, Marissa. Ma la realtà era ben diversa.

E così, dato che nessuno le dava retta, Amber è arrivata a coltivare il progetto di buttarsi sotto a un’automobile. Ora Zainab, comprensibilmente scossa, dice di sentirsi una “cattiva madre”, non essendosi accorta delle tentazioni suicide di Amber, e incapace di garantirle quell’aiuto di cui aveva disperatamente bisogno. Il malessere psicologico, i forti mal di testa che non le davano mai tregua e gli attacchi di vomito si cui soffriva dal settembre 2014 erano causati dal tumore che cresceva nella sua testa. Ma nessuno se n’era reso conto, fino a quando la bimba non si è sottoposta a una visita oculistica, qualche mese fa.

“Non dimenticherò mai la paura nei suoi occhi – dice la mamma ai colleghi del Sun – .Non abbiamo potuto fare altro che abbracciarla e tentare di consolarla. Ma anche io e mio marito eravamo terrorizzati”. Lo scorso 23 giugno, la bambina si è sottoposta a un intervento durato otto ore presso il Birmingham Children per rimuovere il tumore, che fortunatamente ha avuro esito positivo. “E’ sembrato durare un’eternità”, ricorda sempre Zainab. L’astrocitoma era fortunatamente benigno e quindici giorni dopo l’operazione Amber è tornata a casa, dove ora tenta di riprendere una vita “normale”.

EDS