Il cinema in lutto: è morto il popolare attore Tomas Milian

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:32
Tomas Milian (Ernesto Ruscio/Getty Images)

Il mondo del cinema è in lutto: è morto Tomas Milian. L’attore cubano, divenuto famoso negli anni Settanta in Italia per decine di film di successo, aveva 84 anni. Tomas Milian a L’Avana, il 3 marzo 1933 e viveva da molti anni negli Usa. Deve gran parte della sua fama al nostro Paese, dove aveva lavorato per grandi registi come Luchino Visconti e Citto Maselli, ma soprattutto aveva dato vita a personaggi cult del grande schermo come l’ispettore Nico Giraldi e il romanissimo Sergio Marazzi, detto Er Monnezza. Grande risalto hanno avuto anche le sue interpretazioni nei film di genere spaghetti-western. E’ scomparso ieri nella sua casa di Miami.

Tomas Milian, dopo una lunghissima assenza dall’Italia, eccezion fatta per alcuni camei, era tornato nel nostro Paese nel 2014 quando venne celebrato al Festival Internazionale del Cinema di Roma; l’attore cubano, nella serata inaugurale, venne premiato con il Marc’Aurelio Acting Award, riconoscimento che gli era stato consegnato dall’attore e regista Sergio Castellitto, che ha voluto Milian per il suo film “Nessuno si salva da solo”, tratta dall’omonimo romanzo di Margaret Mazzantini.

In quell’occasione, Tomas Milian parlò anche della sua infanzia difficile: “Mio padre si suicidò davanti a me, avevo 12 anni, mi rimase in testa il vederlo lì che si diede una pistolettata nel cuore. Mezz’ora prima mi aveva detto: Tommy sei un uomo, hai 12 anni, tuo padre è molto stanco. Ora pensa a tua madre e alla tua sorellina. Quando morì non piansi, ebbi una sensazione come di liberazione, come un popolo che è oppresso da un dittatore e decide di eliminarlo, però si è eliminato lui stesso”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM