Usa pronti a colpire le basi nucleari coreane: incubo nube atomica

(Mario Tama/Getty Images)

Sale altissima la tensione nelle ultime ore tra Stati Uniti e Corea del Nord. Prima Pyongyang aveva fatto sapere di essere pronta a una guerra nuclearemettendo in guardia gli Stati Uniti che nelle ultime ore si erano fatti minacciosi con le dichiarazioni del presidente Trump. Poi c’è stato il lancio di un missile intercontinentale a lunga gittata (che potrebbe tranquillamente raggiungere anche gli States) nella zona di Sinp, nella provincia di South Hamkyong. Quest’ultima dimostrazione di forza sarebbe fallita in termini pratici, ma poco importa a questo punto perché era un atto dimostrativo che ha ottenuto l’effetto voluto.

Irritazione, rabbia e preoccupazione dei vicini di casa di Kim Jong Un, ma soprattutto degli Stati Uniti. Washington ora starebbe meditando un bombardamento sulle basi nucleari nord coreane. Un vero e proprio atto di guerra che non solo potrebbe portare velocemente ad un’escalation preoccupante, ma che potrebbe avere anche serie ed immediate ripercussioni come la creazione di una nube atomica. A rafforzare questa ipotesi le notizie riportate  dalla Nbc che riferisce che gli Usa hanno già posizionato due cacciatorpediniere Arleigh Burke in grado di lanciare missili da crociera Tomahawk, gli stessi usati contro la base siriana di Shayrat, a meno di 500 chilometri dal sito dove si sono effettuati i precedenti 5 test nucleari nordcoreani.

F.B.