Amanda Knox fa arrabbiare Donald Trump

Amanda Knox al processo (Oli Scarff/Getty Images)

E’ passato oltre un anno e mezzo da quando sono state depositate le motivazioni della sentenza della Cassazione per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, morta a Perugia la notte del primo novembre 2007, che ha visto nel marzo 2015 la Suprema Corte annullare senza rinvio il giudizio di Appello per Raffaele Sollecito e Amanda Knox, i due principali imputati di quel processo. All’epoca, la giovane americana fu sollevata da quella sentenza e sostenne di essersi scambiato col fidanzato Colin “uno sguardo di sollievo, come Alice quando si sveglia fuori dal Paese delle Meraviglie”.

Ora Amanda Knox torna a far parlare di sé perché alle presidenziali americane avrebbe appoggiato Hillary Clinton, una scelta che non sarebbe però andata giù a Donald Trump, che sorprese il mondo battendo la candidata democratica. In base a una notizia riportata dal New York Times e dall’Independent, infatti, il tycoon Usa se la sarebbe presa e non poco per la scelta di campo fatta dalla giovane americana. Ad affermarlo è George Guido Lombardi, vicino di casa di Trump. Il presidente Usa, infatti, nel corso del processo per il delitto di Perugia si era scagliato contro la giustizia italiana e aveva difeso apertamente l’innocenza di Amanda Knox, tanto da invitare al boicottaggio del nostro Paese. Secondo i quotidiani Usa, l’appoggio della giovane nei confronti di Hillary Clinton sarebbe stato dettato dalla vicinanza ideologica rispetto ad alcuni temi etici e in particolare sull’aborto.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM