Antonella Lettieri: il vicino ha confessato il delitto

Clamorosa svolta nell’omicidio di Antonella Lettieri, 42 anni, morta riversa in una pozza di sangue nella sua abitazione a Cirò Marina lo scorso 8 marzo. Per questo caso era finito in manette il vicino di casa Salvatore Fuscaldo, 52 anni, il quale proprio nelle scorse ore avrebbe confessato il delitto. L’annuncio è arrivato in diretta su Retequattro nel programma ‘Quarto Grado’ nella serata di ieri. Fuscaldo era stato arrestato pochi giorni dopo il fatto ma si era sempre professato innocente. Nelle scorse ore però è crollato e ha ammesso il suo crimine durante un interrogatorio nel carcere di Castrovillari (Cosenza), dov’è rinchiuso. Sollevate di ogni colpa, la moglie Caterina e gli altri familiari.

Ora, però, queste dichiarazioni ”sono oggetto di attenta verifica perché il racconto dell’uomo presenta molte lacune – come riferisce all’ANSA il comandante provinciale di Crotone dei carabinieri, colonnello Salvatore Gagliano -. Non é escluso, infatti che quella di Fuscaldo non sia una confessione spontanea, ma sia stata motivata dagli incontestabili elementi di prova raccolti a suo carico e possa essere stata motivata dalla volontà di coprire le responsabilità di altre persone coinvolte nell’omicidio. Bisogna stare attenti, dunque, a non lasciarsi andare a facili entusiasmi”. 

M.O.

TUTTE LE NEWS DI OGGI