(Websource / Meteo.co.uk)

Ha fatto sesso quaranta volte con un suo studente, compreso – tanto per non farsi mancare niente – un “incontro a tre” con una collega. E’ quanto emerso nel corso del processo che vede imputata Shelley Dufresne, la prof. 34 enne di Destrehan, in Louisiana (Usa), accusata di aver intrattenuto rapporti sessuali con un minorenne.

I fatti risalgono al 2014, quando venne alla luce la tresca che vedeva protagonista la giovane insegnante di inglese, già madre di tre figli, e un aitante ragazzo della scuola in cui insegnava, noto tra l’altro per il suo talento calcistico. E proprio alla fine degli allenamenti era solita appartarsi con lui, nella propria auto o a casa sua. A uno di quegli incontri, come accennato, avrebbe preso parte anche Rachel Respess, 26 anni e collega di Dufresne, che verrà sentita il tribunale il mese prossimo. Secondo quanto riporta il sito Nola.com, Dufrense avrebbe portato lo studente nell’appartamento di Respess, dove avrebbero fatto sesso più e più volte, con il coinvolgimento della padrona di casa… L’avvocato di Dufrense, tuttavia, nega tale circostanza, sostenendo il 16enne non fosse riuscito ad avere un’erezione.

A inchiodare le due insegnanti è un breve video girato dallo stesso studente che documenta in modo inequivocabile la loro “performance”, fatto poi circolare tra i suoi compagni di classe per spirito “di goliardia”. Ma non è tutto: il legale di Dufresne, Kim McElwee, sostiene che il ragazzo abbia ricattato la sua assistita con alcune foto che le ritraevano nuda, e ha criticato la corte per non aver punito lo studente, reo di aver girato un video senza il consenso di Respess. Pare che l’insegnante comunicasse con il suo studente attraverso un account Facebook fake intestato a “Madison Mexicano”, con una foto di copertina su cui campeggiava la scritta: “Amo i ragazzi messicani”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS