Parigi, scontri in cortei contro Marine Le Pen: feriti dei poliziotti

(Websource/mirror.co.uk)

E’ scoppiato il caos per le strade di Parigi durante una marcia per celebrare il 1° maggio. I lavoratori alla fine hanno sfilato contro Marine Le Pen, candidata ad assumere la presidenza della Repubblica francese. Ci sono stati degli scontri nei pressi di Place de la Bastille, dove i manifestanti hanno urlato: “Via i fascisti!”. La Le Pen andrà al ballottaggio delle presidenziali con l’altro candidato Emmanuel Macron domenica prossima. Le proteste contro la figlia di Jean Marié Le Pen sono giustificate secondo i lavoratori dal fatto che rappresenti il razzismo e l’odio. “Per questo motivo la contestiamo”, afferma un 22enne attivista di sinistra, che aggiunge: “Siamo in migliaia a far sentire la nostra voce in favore della giustizia e della decenza contro la vergogna che i fascisti al potere potrebbe rappresentare”. La polizia presente ha dovuto fare uso di gas lacrimogeni e caricare alcuni manifestanti: più di novemila agenti tra gendarmi e soldati sono stati mandati in strada per tentare di prevenire i disordini del 1° maggio, che ormai da anni rappresenta un motivo per mostrare dissenso in tutta la Francia, ed alcuni di loro sarebbero rimasti feriti.

Le accuse

Jean-Marie Le Pen, padre di Marine, ha finanziato la candidatura della figlia con un prestito di oltre 7 milioni di euro e ricopre attualmente la carica di presidente onorario del ‘Front National’ (FN), il partito di estrema destra francese del quale è stato per anni il simbolo. Proprio lui ha invitato i francesi a votare in massa. Intanto Macron, lo sfidante di Marine Le Pen, ha suscitato le ire dei suoi rivali politici della destra visitando il luogo in cui alcuni militanti del FN hanno ucciso in passato un immigrato marocchino il 1° maggio di 22 anni fa, sul Ponte del Carosello, nei pressi di Parigi. La vittima si chiamava Brahim Bouarram. All’epoca Marine Le Pen era una esponente del FN che non riuscì ad ottenere un seggio da parlamentare. Bouarram venne assalito da quattro uomini: era un padre di famiglia sposato e con due figli. Venne lanciato nella Senna e lasciato ad annegare.

“Non votatela”

L’omicidio di Bouarram, per il quale i quattro sono poi stati condannati, danneggiò pesantemente l’esito delle elezioni nel 1995 che Jean-Marie Le Pen perse contro Jacques Chirac. E adesso la figlia Marine ha cercato in tutti i modi di dissociare la sua immagine da qualsiasi riferimento xenofobico.  La settimana scorsa si è dimessa come leader del partito, dicendo che la sua intenzione è quella di diventare il primo presidente donna della Francia. Ma il suo avversario Macron ha costantemente ricordato quali siano le radici di Marine, inclusi i suoi legami personali con i neonazisti e le sue tesi negazioniste riguardo all’Olocausto. All’inizio di questo mese Marine Le Pen ha suscitato scandalo sostenendo che i francesi non sono stati responsabili del destino degli ebrei a Parigi durante la seconda guerra mondiale. I sondaggi al momento danno Macron vincente con il 60% delle preferenze.

S.L.