“Gioco suicida’ online, allarme anche in Italia – VIDEO

‘Blue Whale Challenge’ (foto dal web)

Dopo il caso di un ragazzino suicida a Livorno che si è lanciato nel vuoto dal 26° piano, si pensa che sia sbarcato in Italia il ‘Blue Whale Challenge’, il nuovo ‘gioco suicida’ che ha fatto già – secondo alcune stime – 157 morti dopo essere partito dalla Russia. Principio del gioco è accettare delle sfide lanciate in rete da un anonimo tutor, dando loro seguito in un periodo di 50 giorni: si parte da sfide innocue, come può essere quella di guardare per un giorno intero un film horror, per poi andare avanti con atti di autolesionismo e arrivare al termine di questa terribile sfida a togliersi la vita.

Oltre che in Russia, vittime del gioco si registrano anche nel Regno Unito e in Francia, mentre una ragazza catalana è stata salvata in extremis e ricoverata presso un’ospedale psichiatrico a Barcellona. Scioccanti le parole di Philipp Budeikin, 22 anni, lo studente di psicologia russo che ha ideato il “gioco” mortale chiamato Blue Whale e che di recente è stato arrestato: “Ci sono le persone e gli scarti biologici. Io selezionavo gli scarti biologici, quelli più facilmente manipolabili, che avrebbero fatto solo danni a loro stessi e alla società. Li ho spinti al suicidio per purificare la nostra società. Ho fatto morire quelle adolescenti, ma erano felici di farlo. Per la prima volta avevo dato loro tutto quello che non avevano avuto nelle loro vite: calore, comprensione, importanza”.

Il caso di Livorno

Proprio partendo dal caso di Livorno, anche la trasmissione televisiva ‘Le Iene’ ha dedicato un servizio al ‘Blue Whale Challenge’. L’inviato Matteo Viviani, infatti, si è recato in Russia e ha parlato con i familiari di alcune delle vittime, quasi tutti bambini e ragazzi di età compresa tra i nove e i 16 anni. Alcune madri hanno parlato delle loro figlie suicide: “Sembravano tranquille, anche il giorno in cui hanno deciso di suicidarsi hanno fatto quello che facevano tutte le mattine. Ci sono persone che garantiscono ai ragazzi di ‘salvarli’ dai problemi che li affliggono, ma i nostri figli non soffrivano di depressione, erano giovani, solari e pieni di vita. Partecipare a quel ‘gioco’ li ha cambiati e portati alla morte”.

Matteo Viviani ha anche intervistato un compagno di classe del 15enne suicidatosi a Livorno, il quale ha raccontato di come il proprio coetaneo avesse delle abitudini strane, come quella di andare a correre in piena notte o di guardare per ore e ore dei film horror, per ‘rispettare’ alcune delle regole di un gioco online al quale aveva deciso di partecipare.

GUARDA VIDEO

GM