Entra nel cassonetto: rischia di morire stritolato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:27
(Websource)

Un ventitreenne di Castelfranco Veneto ha rischiato di morire in un modo atroce e deve la sua vita solo alla prontezza di uno degli operatori di Asvo, l’azienda dei servizi del Veneto orientale che si occupa della raccolta differenziata. Il giovane era finito con modalità ancora da comprendere nel cassonetto dei rifiuti di vetro e lattine e ha rischiato di finire dentro al compattatore e di andare dunque incontro ad una fine atroce. L’operatore che l’ha salvato racconta: “Era da poco spuntata l’alba, stavamo continuando il giro a bordo del compattatore per svuotare vetro e lattine dai cassonetti. Prima di azionare il compattatore ho guardato all’interno del cassonetto – ha spiegato l’uomo – volevo verificare se oltre al vetro e alle lattine avessero gettato dell’altro”.

Un gesto che tra l’altro non sempre viene fatto. Spesso c’è solo l’autista a compiere l’operazione di scarico e dunque non c’è nessuno a verificare il contenuto del cassonetto. Questa volta per un caso fortuito erano in due e uno di loro ha dato un’occhiata distratta che è valsa la vita del 23enne. Il giovane, sanguinante e ridotto piuttosto male, è stato trasportato al Pronto Soccorsol e e sue condizioni non sono gravi. Ora i Carabinieri stanno tentando di ricostruire la notte del giovane e come sia finito nel cassonetto.

F.B.