Coniugi uccisi a colpi di mitragliatrice nella loro profumeria

Una coppia di coniugi è stata uccisa a San Severo, in provincia di Foggia, in Puglia, all’interno della loro profumeria. I due sono stati uccisi con alcuni colpi di pistola questa mattina e ora sull’episodio stanno indagando gli agenti del commissariato di polizia di San Severo. Una o più persone avrebbero fatto irruzione all’interno del negozio gestito dalla coppia, centrando a colpi di mitragliatrice le vittime. La polizia sta eseguendo i rilievi tecnici per cercare il movente dell’agguato e eventuali tracce di chi ha sparato. Gli investigatori non escludono alcuna ipotesi e starebbero ora vagliando alcune testimonianze. Nella cittadina pugliese non è la prima volta che episodi di tale portata accadono. Due mesi fa circa diversi colpi di arma da fuoco erano stati scagliati contro due automezzi della polizia del Reparto Prevenzione Crimine, parcheggiati davanti all’albergo che ospita personale che nei giorni precedenti aveva operato per i servizi di ordine pubblico durante lo sgombero del ghetto e che ora partecipa ai servizi di controllo dei luoghi dove sono stati trasferiti i migranti.

”Assistiamo increduli ad un altro terribile evento malavitoso, un duplice omicidio che scuote i nostri animi, avvenuto in pieno giorno, in una via centralissima ed a due passi da un frequentato mercato ortofrutticolo rionale: dobbiamo purtroppo constatare che la delinquenza non si ferma davanti a nulla”. Sono state queste le parole del Sindaco di San Severo avv. Francesco Miglio, dopo il duplice omicidio di questa mattina nel rione di Porta San Marco, in Via Don Minzoni, in pieno centro storico. ”Ho appena rinnovato il nostro grido di aiuto e di allarme. San Severo è spaventata, questo ultimo atto di stampo malavitoso non può passare inosservato: le modalità, il luogo, l’ora. Fatichiamo a credere che possa essere successo. Chiediamo con fermezza una maggiore sicurezza per tutta la nostra comunità con l’adozione di provvedimenti immediati e mirati. Non si può più aspettare”.

M.O.