“Contrario alle vaccinazioni”, il medico radiato si difende

Dario Miedico (foto dal web)

Un mese fa, il dottor Roberto Gava, uno dei medici che si era schierato apertamente contro la vaccinazione di massa, è stato radiato dall’albo professionale dell’ordine dei medici di Treviso. A darne notizia era stato il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Walter Ricciardi, che su Twitter ha scritto: “Grazie all’Ordine dei medici di Treviso per aver radiato il primo medico per il suo comportamento non etico e antiscientifico nei confronti dei vaccini”. Ora, mentre il governo è pronto a rendere obbligatori i vaccini, l’Ordine dei medici di Milano ha radiato il medico legale Dario Miedico, 76 anni.

Si tratta di uno dei medici firmatari della lettera che esprimeva perplessità sui vaccini pediatrici. Dario Miedico si difende però dalle accuse e spiega a ‘Repubblica’ che intende fare ricorso, aggiungendo: “Con l’associazione Medicina democratica faremo tutte le iniziative necessarie anche contro il decreto del governo sui vaccini perché non credo sia casuale che la mia radiazione arrivi adesso”. Il medico ha poi spiegato all’agenzia Agi: “Sui vaccini ormai si è scatenata una caccia alle streghe. Oggi colpiscono me, con cose che non esistono, per mettere paura ai tanti medici perplessi su questo tema”.

Dario Miedico ha chiarito di non essere contrario alle vaccinazioni, come viene detto: “Sono solo fermamente contrario all’obbligo vaccinale, da cui emergono tutti i danni che ho visto in questi anni. Ma sarebbe stupido essere contro i vaccini a prescindere, hanno avuto un ruolo importante e ce l’hanno ancora, perlomeno in certi paesi”. E conclude: “È tutto pretestuoso, colpirne uno per educarne cento, questo hanno fatto”. Di parere opposto Roberto Burioni, che invece è decisamente favorevole alla vaccinazione obbligatoria e porta avanti la propria battaglia su Facebook: “Fuori due. Finalmente tolleranza zero, finalmente i pazienti vengono protetti, finalmente si torna a essere orgogliosi di essere dei medici”.

Dura la reazione del Comilva, Coordinamento del movimento italiano per la libertà delle vaccinazioni, che difende Dario Miedico: “Esterrefatti, siamo tutti senza parole per tale evento che pare far ritornare l’Italia ai tempi del nazi-fascismo, ma crediamo fortemente che sia una mossa voluta e pianificata che si inserisce in un perfido meccanismo più grande”. Intanto il Codacons ha minacciato esposti contro la radiazione del medico.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM