Laura Biagiotti, danni cerebrali: la speranza è appesa a un filo

Laura Biagiotti (Ernesto Ruscio/Getty Images)

Le condizioni di Laura Biagiotti, la quale ha avuto un arresto cardiaco ed è stata per questo ricoverata all’ospedale Sant’Andrea di Roma, sono gravissime. La donna, infatti, a causa dell’arresto cardiaco, avrebbe avuto dei danni cerebrali e secondo quanto si apprende in questi minuti dall’ospedale, è in corso l’accertamento di morte cerebrale. Dunque, il mondo della moda italiana, in queste ore, è in grande apprensione.

Questo il comunicato dell’ospedale: “Ieri sera alle 21.30 la signora Laura Biagiotti è stata ricoverata presso il nostro ospedale a seguito di un arresto cardiaco verificatosi al domicilio. Le manovre rianimatorie, avviate a quanto riferito già prima che la paziente giungesse in ospedale e poi ripetutamente effettuate presso il nostro pronto soccorso, hanno consentito la ripresa dell’attività cardiaca, ma il quadro clinico e gli accertamenti effettuati attestano un grave danno cerebrale di tipo anossico. La signora Biagiotti è ricoverata in terapia intensiva in condizioni gravissime e stanno per essere avviate le procedure per l’accertamento strumentale della condizione di morte cerebrale”.

Il malore ha colpito la regina dell’alta moda italiana mentre si trovava nella sua residenza di Guidonia. Laura Biagiotti è stata prima rianimata al pronto soccorso, poi è stata ricoverata e si trova ora in terapia intensiva, mentre i medici mantengono riservata la prognosi. L’arresto cardiaco è avvenuto ieri, nel tardo pomeriggio, intorno alle 19:30 e immediatamente la stilista è stata soccorsa e trasportata nel nosocomio più vicino alla sua abitazione, ovvero il Sant’Andrea, appunto.

La figlia della stilista, Lavinia, è stata immediatamente avvertita di quanto era accaduto alla madre mentre si trovava a Londra e ha fatto subito rientro a Roma, per sincerarsi delle sue condizioni. Laura Biagiotti, nata a Roma il 4 agosto 1943, ha firmato giovanissima le sue prime collezioni di prêt-à-porter e due anni fa ha festeggiato per questo il mezzo secolo di attività. Ha avuto l’onore di lavorare sin da subito con famosi creatori di moda come Roberto Capucci e Rocco Barocco, poi nel 1972 ha fondato nemmeno trentenne l’omonima casa di moda, con la quale ha dato lustro all’alta moda italiana. Dal 1980 vive al Castello di Marco Simone di Guidonia vicino a Roma, un monumento nazionale dell’XI secolo da lei fatto restaurare insieme al marito Gianni Cigna, morto oltre vent’anni fa.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM