Torna dal lavoro: resta vittima di una corsa clandestina – FOTO

(foto Vigili del fuoco)

Si delineano i dettagli del tragico incidente stradale avvenuto nella tarda serata di ieri a San Donà di Piave, comune di circa 42 mila abitanti della città metropolitana di Venezia, in Veneto. Lo schianto ha causato la morte di un uomo, Giuliano Massimo Babbo, 53 anni di Eraclea. Dai primi accertamenti pare che la vittima stesse rientrando a casa dopo aver concluso il proprio turno di lavoro. Col passare delle ore, è poi arrivata una drammatica conferma: l’operaio si è infatti trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato. La sua auto sarebbe stata centrata frontalmente da un’Audi A3, che stava partecipando a una folle corsa clandestina.

A ucciderlo, un 21enne kosovaro senza patente già arrestato, il quale – non curante del fatto che la strada fosse aperta al traffico – viaggiava a una velocità elevatissima. Sembra – stando alle testimonianze raccolte dai carabinieri della locale compagnia – che stesse sfidando un’Alfa 147. Tale particolare è “desumibile  dalla velocità e sfrontatezza nella guida dei due veicoli e soprattutto dai sorpassi azzardati che venivano effettuati”, spiegano i militari dell’Arma in una nota in cui sottolineano come “durante questo gareggiamento l’Audi che seguiva l’Alfa, dopo aver effettuato un sorpasso in curva, perdeva il controllo, invadendo la corsia opposta e scontrandosi frontalmente con la Ford Ford”.

Diverse sono le testimonianze che hanno corroborato l’ipotesi investigativa: dopo l’incidente, sul posto sono giunti i vigili del fuoco e il personale del Suem 118, ma per Giuliano Massimo Babbo non c’è stato nulla da fare. Agli arresti sono così finite due persone, per omicidio stradale con l’aggravante della fuga in un caso, e per concorso ed omissione di soccorso, nell’altro. Quando è stato rintracciato, l’investitore era appena stato lasciato al pronto soccorso dell’ospedale di Trieste, perché rimasto ferito nell’incidente. Ai medici aveva dichiarato di essere caduto poco prima dalle scale, ma il suo comportamento sospetto ha fatto scattare l’allarme.

Le immagini del drammatico schianto

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM