Uccide una bambina di 2 anni con una mossa di wrestling

(Websource:WKBN.com)

Un ragazzo di 24 anni è stato arrestato per maltrattamento su minori e omicidio colposo dopo che la figlia della compagna (2 anni) è morta in seguito ad un gioco violento: pare che il ragazzo “Giocasse” con la piccola come cavia provando delle mosse di Wrestling.

Il giovane Richard Gamache Jr. (ventiquattrenne del Missouri) era solito giocare pesante con Addie Cook, la figlia della compagna diciannovenne, anche davanti alla madre che evidentemente non temeva per l’incolumità della piccola. Due giorni fa Gamache ha provato quella che in gergo è chiamata “Batista Bomb” con Addie come sparring partner, l’urto della bambina con il pavimento è stato così violento che ha cominciato ad avere le convulsioni ed i due giovani sono stati costretti a chiamare i soccorsi.

Una volta arrivata l’ambulanza la piccola Addie è stata portata d’urgenza al Pronto Soccorso, dove, dopo un primo intervento, è stata trasferita al reparto di terapia intensiva. La bambina ha lottato per la sua vita per 48 ore, ma alla fine si è arresa ed è morta davanti alla madre. I medici hanno notato subito le contusioni sul corpo della bambina ed hanno allertato la polizia della possibilità che questa subisse maltrattamenti casalinghi. Adesso Richard è accusato di maltrattamento di minori ed omicidio colposo, mentre la madre è accusata di complicità per non aver allertato la polizia per quanto accaduto.

Impossibile capacitarsi di come due adulti abbiano potuto fare una cosa simile, la Batista bomb è una presa in cui il wrestler solleva l’avversario per le gambe ponendolo a testa in giù e poi lo sbatte a terra con violenza. Un simile impatto con il terreno avrebbe potuto causare danni cerebrali a chiunque, figuriamoci ad una bambina di solo due anni. La giovane età dei protagonisti non basta a giustificare un atto di violenza senza senso, la cui pena sarà giustamente il carcere.

F.S.