Caso Riina, Rita Dalla Chiesa indignata: “Se lo scarcerano non crederò più nella giustizia”

Rita Dalla Chiesa

La questione legata alla possibilità di scarcerazione di Totò Riina per motivi di salute ha sollevato un polverone mediatico con pochi precedenti simili. Sulla questione è intervenuta anche la giornalista e conduttrice tv Rita Dalla Chiesa, che ha visto suo padre – il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa – assassinato dalla mafia proprio su ordine di Riina. Ai microfoni di tgcom24, la giornalista si è detta delusa dalla giustizia italiana: “Mio padre mi ha sempre insegnato che devo credere nella giustizia, ma una decisione come questa, per la prima volta in tanti anni, mi porta a non credere più in essa. Mi sento male a dire ciò poiché vado contro tutto quello che mi ha insegnato mio padre. Ma dov’era la sua dignità quando l’hanno ucciso? Dov’era la dignità di Falcone e Borsellino?”. Rita Dalla Chiesa non ha usato mezzi termini nel parlare del mandante dell’omicidio di suo padre, alimentando anzi il sospetto che si possa trattare di una messa in scena: “Riina è un uomo, se così si può chiamare, che non si è mai pentito o ha chiesto perdono. Mi piacerebbe conoscere i medici che hanno stilato il referto con le sue malattie così da scoprire se è vero o meno”.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI